Pareggio strameritato a Milano. Ma forse ti sta anche stretto, cara Udinese…

MILAN – UDINESE

( Stadio di San Siro )

Risultato Finale: 1 – 1

Udinese a San Siro un pareggio stra meritato, peccato per gli stupendi gol in senso di grande movimento e azioni – gol possibili mancati. Milan fortunato.

Il Milan va in gol con Platek al 44’ pt per il, momentaneo vantaggio dei padroni di casa per l’occasione, su una unica distrazione o errore difensivo, verso la fine del primo tempo, da parte dell’Udinese che, suo malgrado dovrà eliminare nel tempo simili errori, aumentando la concentrazione senza mollarla MAI.. . Ciò detto, ammettendo che, anche gli storici del tempo asserivano: “””errare humanum est…perseverare diabolicum…”””.- Detto che il calcio in sé non è scienza esatta, ma sottende a soli calcoli matematici e/o geometrici- algebrici con le variabili desunte dall’esperienza e dall’intelligenza del soggetto interessato di volta in volta, cambiando a sorpresa le sue intenzioni per tradire l’avversario.

Sotto il profilo del gioco nel primo tempo con la squadra alta allo scopo di difendersi dai continui attacchi del Milan, ogni volta riprendeva palla (… dovremmo attenderci qualche miglioramento sotto il profilo del pressing tra l’altro… ) , tuttavia per ora bene così, e ripartiva con gli esterni in velocità, per andare a impegnare la difesa del Milan in questi frangenti di volta in volta sotto attacco, mantenendo la palla in queste occasioni lontana, dalla propria porta, una sicurezza in più anche per il bravissimo portiere Musso che anche ieri ha fatto la sua parte. Nel Calcio grazie a Tudor capace di far crescere la squadra mentalmente, visto che atleticamente dapprima con Velasquez e poi con Nicola era a buon punto, con Tudor invertendo l’ordine dei fattori diretti e complementari, moltiplica per tre almeno le probabilità per i suoi attaccanti nel rispetto delle regole del calcio, di tenere sotto tiro la porta avversaria impegnandola allo spasimo. L’anemia per il mal di gol degli esterni sta probabilmente diminuendo grazie alla determinazione e ai campi imposti da mister Tudor, che di mestiere dimostra di averne da vendere. In difesa per l’Udinese mancava Ekong (ma non tutti i mali…) quindi un ottimo Larsen per l’occasione squalificato così come un altro valido compagno tale Sandro i quali staranno fuori per questa partita. Ecco che il mister ha predisposto una difesa-sorpresa, con Opoku, De Maio e Samir, appena recuperato dall’infermeria. Sulle fasce due rulli compressori tali Ter Avest we Zeegelaar il primo a destra l’altro a sinistra, mentre in mediana Fofana e Berhami (verso la fine del secondo tempo si infortuna con una pallonata ravvicinata,portato via in barella speriamo non si tratti nulla di grave come poteva sembrare,al giocatore i nostri auguri di pronta guarigione…) . De Paul stavolta mezz’ala visto che Pussetto e Lasagna in attacco agivano da soli. Per il Milan Donarumma ha giocato pochi minuti in quanto vittima di un infortunio,sostituito da Reina, mentre il migliore giocatore del Milan Paquetta ha dovuto arrendersi pure lui. Il gol del Milan avverrà dopo pochi minuti dall’inseriemnto di Castillejo che con un traversone per Cutrone lasciato libero da Ter Avest che non lo pressa, passaggio a Piatek che sbuca a sorpresa tra Di Maio e Samir che non se ne accorgono (più attenzione) tiro e gol senza nessuna colpa per Musso. Wilmot entrerà a sostituire Samir sfinito. La pallonata subita da Berhami lo ha fatto letteralmente crollare su se stesso e si è nella caduta infortunato a una gamba,non ci voleva,purtroppo incidente grave.Al suo posto nel finale il solito Mandragora. Al 20’ il gol del pareggio per l’Udinese di Lasagna che poi mancherà il raddoppio e pure De Paul non vedrà premiata una grande occasione da gol.Quest’ultimo pur visto Fofana voleva imbeccare Reina con un traversone a sorpresa sul fil di lana ha mancato il gol pazienza. Incorraggia il fatto che la squadra è produttiva e cresce. Ora l’Udinese deve mantenere i piedi a terra,crescere ancora in settimana per poter fare i 3 punti contro l’Empoli domenica prossima, cosa questa forse possibile continuando e persistendo su questo passo.

TUDOR: “”” Bravi tutti i ragazzi per il loro continuo impegno…peccato per Bherami KO “ ( ndr. non ci voleva…). I tifosi rientrati da S.Siro: “che spettacolo,bravi proprio tutti…”

Mancando Berhami verrà recuperato Sandro per la mediana e Larsen per la difesa in qualche ruolo magari esterno…

Okaka entra nel secondo tempo ed è lui il mattatore del gol del pareggio segnato da Lasagna,peccato poi per altre 2 occasioni da lui mancate dopo aver saltato Calabria. L’UDINESE POTEVA VINCERE ALLA GRANDE con merito pieno. COMUNQUE UN GRANDE PAREGGIO SERVE PER IL MORALE.