Spiragli di luce in Coppa Italia: questa è l’Udinese che vogliamo…

Coppa Italia- Udinese vs L. Vicenza. Risultato finale 3-1. Erano stati annunciati in ogni dove turnover in questa partita a pioggia, cosa che però non è avvenuta se non solo dagli annunci dei mass media. Mister GOTTI ha voluto dare l’importanza che la Coppa si merita per l’Udinese che quest’anno potrebbe farci per la prima volta un pensierino, essendoci la squadra, seppur ancora in via di formazione.

A differenza del match contro la Fiorentina, la squadra è rimasta più o meno la stessa a parte qualche inserimento con tutti i migliori da titolari come: Pussetto -Makengo – Nestorowski – Deulofeu in difesa Portiere: Scuffet, Larsen– Bonifazi – Samir- . DE Maio fa la staffetta in difesa con Samir – mezzala con Forestiere, Coulibally, Cristo Gonzalez sperimentato con certo successo. Anche i nuovi hanno bisogno di mettere i 90 minuti nelle gambe, comunque si è vista una bella partita anche se a dire di Gotti la squadra si allungava e si allargava a tratti, ma nel complesso è apparsa in crescita esponenziale e benché l’avversario fosse quel che era con tutto rispetto, detto che tra la Fiorentina attuale e il Vicenza la differenza non fosse tanta, ma a ben vedere la disposizione in campo dei giocatori nuovi arrivata armati di gran qualità ha pagato e la partita è stata divertente anche se l’ultimo e unico gol del Vicenza allo scadere poteva essere evitato con più attenzione.

E’ stato provato il nuovo modulo 4 – 3 – 3, che con i cambi inseriti è diventato presto un 4-1-4-1, che, in entrambi i casi hanno funzionato se, non alla grande almeno, molto bene. Manca solo forse un pochino di fiato in più che verrà giocando e lavorando. Ora la preparazione contro il Milan va fatta predestinando un modulo e una preparazione specifica e tecnica adatta, in simbiosi con la partita contro il Vicenza, pur tenuto conto della qualità dell’avversario. Ora l’infermeria continuerà a svuotarsi e Mandragora a breve potrà essere disponibile per cui Molina dovrà farsi quattro conti se vuote giocare, contro Mandragora non è facile e per ora Molina non macina tanto come sperato. Crescerà. Nuyting in difesa per fortuna in fase di rientro. Il Mister :”Viste giocate di pregio”. Interpellato Gerard Deulofeu il modulo piace e lo si è visto in campo. Così come De PAUL sempre tra i più attivi e valenti che con assist illuminanti da regista quale era ha fatto luce su tutta la partita nonché per le reti pervenuto nel secondo tempo.

Primo tempo: Gol al 21’ di Forestieri oggi con De Paul tra i migliori assieme alla squadra tutta brava. Nel secondo tempo al 15’ Deulofeu con una rete anche se il suo prodotto vede anche due paratone del portiere, al 19’ bellissima azione personale di Pussetto che si libera degli avversario e segna al 43’ st. Pussetto in gran spolvero e illuminante. Bellissima la Partita di Forestieri rientrato a Udine non da molto tempo. Contro il Milan urgono quarti o quinti ben disposti in campo e preparati De Paul lo si vede da regista avanzato.

Ora grosso impegno contro il Milan che l’Udinese non ha mai disdegnato e a S.Siro rientrata anche con risultati positivi. Attenzione specie allo scadere dei tempi disponibili. Esperimento per Gotti spesso troppo timoroso e riflessivo serve anche coraggio. Proseguire su quest’onda e con sostituzioni occulate in tempistiche adeguate.

Il 4’ turno di Coppa Italia avverrà il 25 novembre allo Stadio Friuli contro la Fiorentina ma stavolta rovesciare il risultato rispetto all’altra volta. L’arma in più contro il Milan il 4-1-4-1 che si spera…